Acqua in bottiglia e disastro ecologico

PLASTIC

Il disastro ambientale che rappresenta l’acqua in bottiglia ha impatti devastanti sul nostro pianeta.

Se tieni alla tua salute e a quella dei tuoi figli leggi questi dati allarmanti.

L’uomo beve più di 100 miliardi di dollari anno di acqua imbottigliata. Ciò significa un consumo di 50 miliardi circa di bottiglie di plastica prodotte  che devono essere smaltite.

In Italia consumiamo circa 1,7 miliardi di bottiglie di acqua all’anno. Immaginate voi l impatto di tutta questa plastica sul nostro bel paese.

Per non bastare ci vogliono 17 milioni di barili di petrolio per produrre queste bottiglie che prontamente gettiamo dopo l utilizzo. Molti di voi staranno dicendo…beh..ma io faccio la raccolta differenziata. Ecco…siete una minoranza del 20% contro l 80% che non si occupa della plastica rimanente dopo il consumo.

Voi siete la sola soluzione. Voi potete, con un cambiamento radicale, trasformare il sistema …come? Sicuramente non comprando più acqua minerale in bottiglia di plastica.

Informatevi sulla vostra acqua di rubinetto e rivolgetevi ad azienda competenti e con tanti anni di esperienza sulle spalle che possano consigliarvi l’apparecchiatura piu’ idonea per trattare la vostra acqua di rubinetto. E per chi già si sta sollevando dalla responsabilità delle bottiglie di plastica dicendo a se stesso che non può nulla, visto che gran parte del suo tempo lo trascorre in ufficio dove suo malgrado è costretto a comprare acqua in bottiglia, a voi noi rispondiamo cosi: sostenete le iniziative di risoluzione anche presso i vostri uffici. Sollevare delle problematiche e proporre delle soluzioni nel posto dove lavorate, come l installazione di un distributore di acqua purificata, scatenerà prima o poi una reazione a catena che permetterà a tutti di essere piu’ sensibili all’inquinamento prodotto dalla plastica…da miliardi di bottiglie di plastica che inquinano il posto dove vivete voi e continueranno a vivere i vostri figli.

Dal 2016 multe salate all’Italia per fogne e depurazione inadeguate

depura

Nel 2016 l’Italia comincerà a pagare “salate sanzioni” all’Europa per i “gravi ritardi nel rispetto della direttiva comunitaria che prevede da oltre dieci anni la messa a norma dei sistemi fognari e depurativi”. A dirlo è Mauro Grassi, responsabile della Struttura di Palazzo Chigi #italiasicura che si occupa di sviluppo delle infrastrutture idriche e di dissesto idrogeologico, affermando che il 15 dicembre scorso la Commissione europea ha comunicato al Governo che nei prossimi mesi proporrà alla Corte di giustizia europea l’importo delle sanzioni. Grassi rileva che “gli investimenti necessari a scongiurare le stesse sanzioni stentano a decollare” e che occorrono sia aumenti tariffari sia la completa attuazione della normativa sulla governance del settore idrico per evitare di disperdere risorse con interventi frammentati.

Il Governo, ricorda Grassi, “è intervenuto con lo ‘Sblocca Italia’, per risolvere il problema strutturale fissando paletti per la costituzione degli Enti di governo degli ambiti e affrontare la situazione emergenziale prevedendo la possibilità di ricorrere all’azione dei Commissari di Governo per accelerare l’attuazione degli interventi, già completamente finanziati, necessari a superare le procedure di infrazione. Una scelta che ha un impatto considerevole soprattutto sugli interventi da 1,6 miliardi di euro stanziati dalla Delibera CIPE 60/2012 con l’obiettivo di superare le infrazioni europee, di cui 1,1 miliardi di euro solo per la Regione Siciliana”. Ad oggi, prosegue, “sono stati nominati commissari governativi per la realizzazione di fognature e impianti per la depurazione nelle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Sicilia. In particolare, in Sicilia il valore degli interventi oggi passati nella gestione del commissario è di oltre 600 milioni di euro. Con i ‘patti per lo sviluppo’ poi, il Governo continuerà a garantire investimenti pubblici nelle situazioni ancora a rischio di sanzioni europee”. Sull’aumento tariffario, Grassi spiega che “l’obiettivo è raggiungere livelli di investimento nel sistema idrico simile agli altri paesi europei, e passare dagli attuali 36 euro per abitante ad almeno 50 euro/abitante, per avvicinarsi agli 80-90 euro/abitante dei paesi più virtuosi del contesto europeo”.

Sulla governance Grassi rileva che “le Regioni che presentano il maggior numero di situazioni di infrazione comunitaria sulle fognature e sulla depurazione sono quelle che non hanno attuato la riforma della governance del settore idrico”. Serve invece “un gestore efficiente, organizzato e capace di realizzare economie di scala”, altrimenti “le risorse potrebbero essere disperse in interventi troppo frammentati”. “Prova tangibile della incapacità di spesa, pur in presenza di risorse – conclude Grassi – sono i 3,2 miliardi di euro (2,8 miliardi di euro solo per il sud) stanziati per quasi 900 opere tra depuratori, fognature e acquedotti, che non sono ancora stati nemmeno avviati a gara”.

A dare supporto alle parole di Grassi interviene Giovanni Valotti, presidente Utilitalia, la federazione che riunisce tutti i gestori del servizio idrico, secondo cui “serve un Piano Idrico Nazionale, un piano straordinario per la qualità delle infrastrutture e dei servizi pubblici che metta a sistema tutti gli attori e le risorse disponibili”. L’acqua “è il bene pubblico per eccellenza – dice Valotti – In quanto tale merita la massima attenzione. Invece il nostro Paese continua a registrare un ritardo drammatico su infrastrutture e servizi, in alcune aree territoriali la situazione è insostenibile. “Le sanzioni europee registrano impietosamente questa situazione – afferma Valotti – distogliendo ulteriori risorse finanziare che andrebbero invece dedicate agli investimenti nel settore, a beneficio di tutti i cittadini. Serve una razionalizzazione dell’offerta, attraverso la creazione di operatori industriali più efficienti. Uscendo in questo da contrapposizioni astratte e di principio, tra pubblico e privato”. “Ben venga quindi un piano straordinario del governo – ha concluso Valotti – per dare piena attuazione alla normativa sulla governance del settore idrico e sostenere gli investimenti”.

“La situazione italiana sul trattamento delle acque reflue è da terzo mondo. Il problema riguarda i sistemi fognari e depurativi di 1.025 agglomerati, ossia di 2.500 comuni, e secondo una stima del Governo potrebbe portarci a dover sborsare una cifra complessiva di circa mezzo miliardo di euro l’anno dal 2016 e fino al completamento delle opere”, per il mancato rispetto della direttiva Ue. Lo affermail segretario dei Radicali italiani, Riccardo Magi. “Il Governo oggi ha reso noto di aver ricevuto, il 15 dicembre scorso, dalla Commissione europea la comunicazione che nei prossimi mesi proporrà alla Corte di giustizia europea l’importo delle sanzioni che l’Italia dovrà pagare per non aver risolto i problemi riguardanti le acque reflue, già accertati dalla sentenza di condanna del 2012 per 72 agglomerati urbani. Il riferimento – spiega Magi – è alla procedura di infrazione 2034 del 2004, ma questo contenzioso è solo il primo dei tre ancora pendenti”. “La situazione italiana sul trattamento delle acque reflue ha dell’incredibile, se si considerano le risorse stanziate: ben 3,2 miliardi per quasi 900 opere tra depuratori, fognature e acquedotti. Opere per le quali, però, non sono nemmeno partite le gare – denuncia Magi -. La responsabilità di questo disastro è degli enti locali. Per questo, quando arriveranno le multe, presenteremo esposti alla Corte dei Conti per danno erariale, perché a pagare non siano i cittadini”.

Depuratore di Murta Maria ad Abbanoa

image

OLBIA. Paolo Maninchedda, assessore regionale ai lavori pubblici e presidente del Partito dei sardi ha annunciato che a Cagliari è stato firmato il passaggio di consegne del depuratore di Murta Maria ad Abbanoa. «È una svolta epocale per Murta Maria – si legge in una nota stampa del partito – che mette fine ai problemi di depurazione e al rischio di sversamenti a mare dei reflui; a questo si aggiunga l’avvio dei lavori per il completamento ed estensione della rete idrica di alcune vie di Murta Maria».

Gli esponenti del Partito dei Sardi nel week end hanno incontrato i cittadini delle frazioni di Murta Maria e San Pantaleo e di Olbia. Hanno partecipato agli incontri il candidato sindaco Carlo Careddu della coalizione civica e democratica, insieme a Paolo Maninchedda, al segretario Franciscu Sedda e i consiglieri regionali Piermario Manca e Gianfranco Congiu.

Gli incontri sono stati l’occasione per presentare i candidati alla carica di consigliere comunale e per comunicare ai cittadini i recenti risultati ottenuti dal Partito dei Sardi per Olbia. Altre importanti novità fortemente volute dal Comitato di quartiere guidato dal presidente

uscente Corrado Varrucciu e candidato alla carica di consigliere per il Partito dei Sardi, sono l’istituzione della guardia medica, un punto vendita di farmaci all’interno della parafarmacia già esistente, in convenzione con la farmacia di Poltu Quadu, e l’apertura di un’agenzia bancaria.